La tua ULSS cambia nome In seguito alla riorganizzazione della
sanità in Veneto, dal 1 gennaio 2017
ULSS12, ULSS13 e ULSS14 si uniscono nella nuova ULSS 3 Serenissima
I cookie ci aiutano a migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare il sito internet fornite il vostro consenso al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Accetto Info
> > L’Urologia di Chioggia festeggia Elsa, la paziente più anziana curata nel 2016

L’Urologia di Chioggia festeggia Elsa, la paziente più anziana curata nel 2016

Pensava di rifare una visita di controllo e, invece, ad attenderla e ad accoglierla nel reparto urologico dell’Ospedale di Chioggia insieme ad una torta di tre chili, c’era il direttore generale della Ulss 3 Giuseppe Dal Ben insieme al primario di Urologia Giuseppe Tuccitto e chi l’aveva seguita nel suo percorso di cura.

giovedì 30 marzo 2017
L’Urologia di Chioggia festeggia Elsa, la paziente più anziana curata nel 2016
Pensava di rifare una visita di controllo e, invece, ad attenderla e ad accoglierla nel reparto urologico dell’Ospedale di Chioggia insieme ad una torta di tre chili, c’era il direttore generale della Ulss 3 Giuseppe Dal Ben insieme al primario di Urologia Giuseppe Tuccitto e chi l’aveva seguita nel suo percorso di cura. Elsa è una cara nonnina ultranovantenne, residente a Cavarzere, che mesi fa è stata sottoposta ad un importante intervento dall’équipe di Urologia. “Importante” soprattutto per l’età della paziente. Prima di eseguirlo, infatti, a lungo i medici hanno studiato e valutato il suo caso con lei stessa e la sua famiglia. Alla fine la decisione è stata quella di affrontare l’operazione e tutto è andato per il meglio ed oggi, chi l’ha curata e seguita in questo percorso, ha deciso di festeggiare insieme a lei la sua guarigione.
“L’intervento a cui è stata sottoposta Elsa – ha aggiunto il primario Tuccitto – è un intervento che si fa ormai di routine, ma è comunque un’operazione invasiva che in questo caso, visto l’età, si traduce in un evento importante. Io e la mia équipe siamo stati molto felici di aver restituito a questa signora, che va detto molto combattiva, la sua vita, che in maniera straordinaria conduce in maniera autonoma”.
La signora Elsa, accompagnata dai due figli, ha ringraziato commossa i presenti per la sorpresa della festa in suo onore. Ci ha tenuto a fare i complimenti per come è stata curata, dal suo ingresso in Ospedale a Chioggia fino ad oggi, e per come non abbia mai avuto paura di ciò che stava affrontando perché si sentiva come protetta dal modo in cui gli operatori sanitari l’avevano accompagnata.
Condividi questa pagina:
Ricerca nel sito
ulss3