La tua ULSS cambia nome In seguito alla riorganizzazione della
sanità in Veneto, dal 1 gennaio 2017
ULSS12, ULSS13 e ULSS14 si uniscono nella nuova ULSS 3 Serenissima
I cookie ci aiutano a migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare il sito internet fornite il vostro consenso al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Accetto Info
> > Cosa fare per affrontare con sicurezza l’afa

Cosa fare per affrontare con sicurezza l’afa

La patologia da calore si manifesta inizialmente con facile affaticabilità, mancanza d’appetito, insonnia, capogiri o svenimenti nella stazione eretta, crampi muscolari, palpitazioni.

venerdì 30 giugno 2017
La patologia da calore si manifesta inizialmente con facile affaticabilità, mancanza d’appetito, insonnia, capogiri  o svenimenti nella stazione eretta, crampi muscolari, palpitazioni.
In presenza di questi disturbi, che possono perdurare per giorni, vi sono una serie di semplici e generali precauzioni da adottare: evitare di uscire nelle ore calde della giornata (tra le ore 12 e le 17); cercare di rendere il più fresco possibile l’ambiente in cui si vive (usare con attenzione e moderazione i condizionatori e i ventilatori e coprirsi quando si passa da un ambiente caldo ad uno fresco); bere molto (almeno 2 litri d’acqua) anche se non se ne sente il bisogno, evitare le bibite gasate, zuccherate, o troppo fredde; limitare i caffè e le bevande alcoliche, che aumentano la sudorazione e la sensazione di caldo; preferire pasti leggeri, facili da digerire, non grassi, preferendo la pasta, frutta e verdura; meglio evitare le carni; vestirsi con indumenti leggeri di colore chiaro, di fibre naturali come cotone e lino; usare un copricapo quando si esce, soprattutto nelle ore con il sole più alto; recarsi presso strutture climatizzate; non interrompere o modificare una cura che si sta seguendo di propria iniziativa senza aver consultato il proprio medico; se possibile adottare l’abitudine di fare frequenti docce non calde senza asciugarsi per abbassare l’eccessiva temperatura.
In caso di necessità contattare: il proprio Medico di Medicina Generale o Pediatra; nelle ore notturne (20.00 – 8.00) sabato e prefestivi (dopo le ore 10.00) e festivi il servizio di Guardia Medica.

Qualora ci si trovi con soggetti in stato di incoscienza, temperatura corporea>40°, gravi disturbi respiratori o cardiocircolatori, chiamare il SUEM 118; per accedere alle informazioni sulle risorse e opportunità del territorio è attivato il NUMERO VERDE REGIONALE FAMIGLIA SICURA in collaborazione con il Servizio di Telesoccorso-Telecontrollo: 800462340
Condividi questa pagina:
Documenti allegati
Ricerca nel sito
ulss3